STORIA

La Fondazione, porta il nome del socio fondatore di e-work, Giuseppe Enrico Cova (chiamato da tutti Pino) ma, chi era?

Giuseppe Enrico Cova nasce ad Arluno nel 1951, nell’hinterland milanese. Sin da ragazzo inizia a lavorare come operaio in un’azienda cartotecnica. Proprio in fabbrica matura il suo impegno sindacale nella Cgil. Diventerà – negli anni settanta – responsabile dei poligrafici per la Lombardia.

Grazie a quell’incarico si distingue per il polso ferreo e il senso dell’etica nel condurre le trattative sindacali. Si guadagnerà sul campo i galloni del “Migliore”, perché così verrà chiamato dai vertici nazionali della Cgil.

Cova diventerà anche segretario regionale della Cgil, introducendo per la prima volta nel dibattito sindacale i temi della difesa dell’ambiente e delle migrazioni. Negli anni Novanta si candida con il Psi al consiglio comunale di Milano e viene eletto. Sarà una spina nel fianco, tanto da venire soprannominato “Mastrolindo”.

Lascerà il Psi e la politica e tornerà ad occuparsi di lavoro, assumendo la guida della Lega delle Cooperative in Lombardia. Importante è stato il suo contributo nella definizione delle leggi che cambieranno le regole del mondo del lavoro in Italia. Per questo suo impegno, Pino Cova finirà anche nel mirino delle Nuove Brigate Rosse.

Nel 2000 fonda l’agenzia per il lavoro e-work, puntando a replicare in Italia modelli e procedure già diffusi in Olanda e Belgio.

Pino Cova muore il Primo maggio del 2013, nel giorno della festa dei lavoratori.

LA NOSTRA MISSIONE

CHI SIAMO

Le persone che rendono possibile tutto questo

Pluriennale esperienza nel settore della formazione e delle politiche attive del lavoro, già nel 2000 direttore amministrativo di e-work e ora AD ha trasformato in realtà il progetto Fondazione Pino Cova.

Psicologa clinica e di comunità, da quasi dieci anni si occupa di project cycle management e innovazione sociale, accompagnando organizzazioni profit e non profit in processi generativi per il benessere dei cittadini e dei territori.

Laureata in Psicologia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, ha maturato un’esperienza nell’ambito Risorse Umane all’interno di contesti aziendali multinazionali. Le sue specializzazioni spaziano dalla ricerca e selezione del personale alla formazione, passando per l’orientamento e la ricollocazione professionale

MISSION

La Fondazione si pone degli obiettivi semplici ma ambiziosi: ripercorrere vent’anni di cambiamento del mercato del lavoro in Italia e concentrare, al tempo stesso, la sua attenzione e i suoi sforzi verso quelle fasce di popolazione che, nel cambiamento, hanno continuato a subire una condizione di oggettivo svantaggio. Per questo la cifra operativa della Fondazione Cova è essere un “ponte tra le diversità”. L’obiettivo della Fondazione Pino Cova è creare un luogo, con baricentro a Milano ed hinterland ma con un occhio a tutto il Paese, dove persone con disabilità o con condizione di emarginazione sociale, soprattutto giovani, possano percorrere un cammino virtuoso verso l’ingresso nel mondo del lavoro.

La sede della Fondazione è in Via Luigi Caroli 12 a Milano, una delle tante aree periferiche della città impegnate a mantenere o ricreare un’identità sociale. Da alcuni mesi, dentro questo ex oratorio di quartiere, sede della Fondazione, è nato SPAZIO CAROLI12: un’area di 1500 mq, dove trovano posto un Cafè & Bistrot e uno Spazio Eventi al cui interno sono impiegate 15 persone, tra cui alcuni dei ragazzi con difficoltà che hanno partecipato a corsi di formazione di Fondazione Pino Cova o di altri enti partner, oltre a una biblioteca ed un’area giochi inclusiva. La Fondazione è completamente finanziata dal Gruppo e-work ed ha l’obiettivo di diventare un luogo di aggregazione sociale per il tessuto locale milanese con una prospettiva, nei prossimi anni, di diventare punto di riferimento a livello nazionale sulle tematiche dell’integrazione e dell’accesso al lavoro per le “diversità”.

PRESS

  • Dicembre 2018

  • Avvenire

  • Nasce la Fondazione Pino Cova a Milano

  • 3 Dicembre 2018

  • Urban Post

  • Lavoro e Disabili: Nasce a Milano la Fondazione Pino Cova

  • 24 Settembre 2020

  • Il Giorno

  • La scuola che sconfina dall’orto al condominio

  • 3 Dicembre 2018

  • Geosnews

  • È nata la Fondazione Pino Cova

  • 4 Dicembre 2018

  • Informa disabile – Comune di Torino

  • Inserimento lavorativo disabili: nasce una Fondazione per formare camerieri, baristi, cuochi

LINK
LINK
LINK
LINK
LINK

PROGETTI

Come contribuiamo al cambiamento

JOB STATIONS

Promotori: Fondazione Italiana Accenture; Accenture – Corporate Citizenship; Progetto Itaca Milano

Partner: Casa del Giovane Pavia; Fondazione Bertini Milano; Novo Millennio Monza; Progetto Itaca Roma; Fondazione Pino Cova.

Luogo: Job Station di spazio caroli12

Le JOB Stations sono centri di smart working assistiti per l’inclusione lavorativa di persone con storie di disagio psichico. Sono spazi di lavoro accoglienti dove le persone che vivono una disabilità possono avviare il loro nuovo percorso professionale assistiti da tutor e psicologi esperti, con l’obiettivo di inserirsi gradualmente nel contesto aziendale. Al momento sono attive 5 Job Stations su tutto il territorio nazionale, una delle quali in Spazio Caroli12, e sono coinvolte più 20 aziende, per un totale di 78 percorsi di inclusione attivati.

JOB STATION

LAVORO ABILE LAVORO AGILE

Ente finanziatore: Fondazione Cariplo

Bando: Abili al lavoro

Partner: Progetto Itaca Milano Onlus (capofila), Fondazione Italiana Accenture; Fondazione Bertini Malgarini Onlus di Milano e Novo Millennio di Monza società cooperativa sociale; A.R.S.; Fondazione Pino Cova.

Luogo: Luoghi vari di Città metropolitana di Milano e Monza, dove sono attivi i partner di progetto e dove sono collocate le strutture presso le quali verranno realizzate le attività.

L’obiettivo primario del progetto è aumentare l’occupazione stabile e di qualità per i soggetti in età lavorativa portatori di disturbi psichiatrici o dello spettro autistico, iscritti alle liste degli aspiranti al collocamento mirato della città metropolitana di Milano e Monza. Per rendere attuabile il cambiamento il partenariato ha attuato diverse strategie innovative, come lo sviluppo di centri di erogazione di servizi specializzati alla JS Academy, un centro di formazione specializzata declinato su tre livelli corrispondenti ai tre diversi target a cui si rivolge: “Academy for Abilities”, “Academy for Inclusion”, “Academy for Corporate”, con l’obiettivo finale che lo strumento del “centro lavoro agile” venga inserito nel catalogo di offerta dei servizi per l’inclusione.

INCLUSI: DALLA SCUOLA ALLA VITA. ANDATA E RITORNO.

Ente finanziatore: Con i bambini impresa sociale

Bando: Un passo avanti. Idee innovative per il contrasto alla povertà educativa minorile

Durata: Da novembre 2020 a novembre 2023

Partner: Le molteplici direzioni del progetto sono possibili grazie alla pluralità e diversità per competenze, forma organizzativa e contesto territoriale dalle Fondazioni (come la Ca’ Foscari, H-Farm e Pino Cova) ai consorzi (tra cui Gruppo Cooperativo CGM) e alle cooperative sociali, fino alle associazioni come Ledha e Anffas nazionale e Federazione trentina della Cooperazione.

Luogo: Luoghi vari in Campania; Lazio; Lombardia; Marche; Trentino-Alto Adige

Il progetto “INCLUSI: Dalla scuola alla vita, andata e ritorno”, selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, è promosso dal Consorzio Consolida di Trento insieme ad altri 52 partner con l’ obiettivo di promuovere, sia culturalmente sia attraverso la costruzione di specifici strumenti educativi e didattici, l’accessibilità a una formazione di qualità per tutti e una reale e autentica inclusione dei bambini e dei ragazzi all’interno del contesto scolastico, ma anche all’interno della comunità.

SCOPRI IL PROGETTO

BIBLIOTECA INCLUSIVA

Ente finanziatore: Ministero della cultura

Bando: Piano cultura futuro urbano – biblioteca casa di quartiere

Durata: Da febbraio 2020

Partner: Fondazione Bertini Malgarini Onlus (capofila), COOP. LOTTA contro l’emarginazione, RETE UTENTI Salute Mentale, La salute in testa – Ass. di utenti della salute mentale, Fondazione EMPATIA Milano

Luogo: Biblioteca di Spazio Caroli12

Biblioteca Inclusiva è un innovativo ‘’book cl-hub’’ in cui l’esperienza-biblioteca diventa un modo per innescare processi di inclusione sociale, di promozione del benessere e miglioramento della qualità della vita dei cittadini di Milano; la gestione dello spazio è infatti coordinata da un bibliotecario esperto, volontari e un gruppo di persone con disabilità psichica. La Biblioteca è gestita da Fondazione Gaetano Bertini Malgarini Onlus, si trova all’interno dell’hub Spazio Caroli12 e ad oggi conta più di 200 iscritti e oltre 5.000 testi grazie alle donazioni in-kind di privati e aziende.

BIBLIOTECA INCLUSIVA

IMPRESA FORMATIVA SIMULATA

Durata: Da luglio a ottobre 2020

Partner: I.R.F.A (capofila), ANMIL e Fondazione Pino Cova.

Luogo: Bistrot di spazio Caroli12

Impresa formativa simulata” in collaborazione con ANMIL e I.R.F.A, ha tra i suoi obiettivi quello di favorire l’inclusione sociale e lavorativa di giovani con disabilità con focus nell’ambito della ristorazione, utilizzando il modello learning-by-doing: attraverso l’affiancamento costante dei tutor specializzati, i giovani con storie di fragilità hanno la possibilità di acquisire competenze e apprendere un metodo funzionale e il giusto approccio al lavoro, sperimentandosi in prove e simulazioni pratiche. Durante il periodo di attività del progetto sono stati attivati tre corsi formativi nei vari ambiti della ristorazione (cucina, sala, bar…), all’interno dei quali sette tirocinanti hanno avuto la possibilità di vivere un’esperienza professionalizzante nel Bistrot di Spazio Caroli12.

ANMIL

SPAZIO CAROLI12

Inaugurazione: Giugno 2020

Luogo: Hub multifunzionale di Via Luigi Caroli 12

Spazio Caroli12, inaugurato nel giugno 2020, è un hub multifunzionale nel cuore del quartiere via Padova/Ponte Nuovo. Uno spazio rigenerato, un ex-oratorio che, grazie a Fondazione Pino Cova, ha ritrovato vitalità e, dopo anni di inattività, è stato restituito alla comunità del quartiere.

Spazio Caroli12 nasce con l’obiettivo di creare un luogo inclusivo capace di attivare le energie del quartiere e di generare opportunità formative, lavorative, culturali, relazionali, di incontro e di scambio.

Spazio Caroli12 è aperto ai cittadini e alle cittadine di tutte le età e ricco di attività sociali, culturali e di aggregazione. L’hub si compone di un bar bistrot (dove sono coinvolti 10 ragazzi con disabilità o con storie di emarginazione sociale); una biblioteca; un’area giochi inclusiva; un’area sport; un grande giardino e spazi attrezzati per convegni e mostre; un centro di lavoro agile Job Stations.

SPAZIO CAROLI12

INIZIATIVE DI SENSIBILIZZAZIONE

Webinar “il modello JobStations”

Quando: 22 aprile 2020

Tematica: Inclusione lavorativa. Evento online riguardante le strategie innovative di inclusione lavorativa, in particolare il modello Job Stations.

Dialoghi in salute

Quando: Da luglio a settembre 2020

Tematica: Salute e salute mentale. Nella sua rassegna di appuntamenti estivi aperti alla città, Spazio Caroli12 ha promosso “Dialoghi in salute”: un ciclo di 5 appuntamenti con professionisti della salute operanti nel quartiere e nella città volti a favorire il dialogo tra esperti e cittadini. Momenti di scambio e riflessione aperti a tutti e tutte (ingresso gratuito), per trovare insieme nuovi modi di prenderci cura di noi e degli altri.

CONTATTI

Indirizzo: Via Luigi Caroli, 12 Milano

Mail: info@fondazionepinocova.org

Tel: 02 5004 3124